5 brevi suggerimenti per la tua campagna pubblicitaria

La pubblicità è uno strumento di comunicazione molto utile per le cantine. L’obiettivo della pubblicità è quello veicolare un ben determinato messaggio verso un gran numero di persone, e attirare potenziali clienti. Se fatta correttamente, la pubblicità può aumentare il successo della vostra attività produttiva. In linea di principio bisognerebbe far ricorso sempre a dei professionisti del settore, e avere contemporaneamente almeno una conoscenza di base dell’argomento. Di seguito 5 brevissimi suggerimenti da tenere sempre in considerazione:

1. Fare ricerche di mercato, e testare quando possibile la tipologia di campagna pubblicitaria che si intende implementare. Le campagne pubblicitarie on-line, al contrario di quelle off-line, sono facili da testare anche per brevissimi periodi;

2. Assicurarsi sempre che il media e il canale scelto per la propria campagna pubblicitaria sia coerente con il target fissato. Inoltre informatevi sempre su l’audience. Per esempio se state puntando la vostra attenzione sulla stampa di settore richiedete sempre la tiratura. Se invece state puntando sulla pubblicità on-line chiedete sempre il numero di visitatori unici giornalieri. Qualora non fossero in grado di fornire tali dati, lasciate perdere;

3. Il messaggio pubblicitario deve essere breve e chiaro per non confondere il potenziale cliente;

4. Call to action (letteralmente “invito a compiere un’azione”) sempre presente nel messaggio (es. sito web, numero verde da chiamare, dove comprare i vini, indirizzo della cantina per eventuali degustazioni in loco, e via dicendo);

5. Fissare in anticipo un budget reale per le campagne pubblicitarie dell’intero anno commerciale. Il budget pubblicitario non dovrebbe mai essere fissato sulla base di ciò che rimane nelle casse dell’azienda dopo aver pagato tutti i conti. Le spese pubblicitarie infatti possono essere considerate a tutti gli effetti delle spese necessarie per una cantina, addirittura possono essere viste come degli investimenti.

Leave a comment