Online advertising: fissare gli obiettivi

OK, tutto è pronto, la nuova campagna di advertising per la tua bella cantina sta per partire, e tu non vedi l’ora di valutare il tuo ROI. Sarà un successo! Hai sempre sentito parlare delle potenzialità di Internet a riguardo, e delle tante opportunità che la rete offre alle aziende per farsi conoscere in un mercato che più globale non può essere. Tutti contro tutti. A questo punto senti lo stridio delle gomme di una automobile, dovute a una brusca frenata, e vedi scendere una persona che corre verso di te e ti grida… fermo, fermo, devi ancora fissare gli obiettivi!!! E tu lì, pronto a dare il via alla campagna di advertising con il tuo nuovo iPhone 4 esiti, e ti chiedi… eh, fissare gli obiettivi?

Scusatemi per la divagazione, ma fissare gli obiettivi prima di iniziare una campagna di advertising online è assolutamente fondamentale per la riuscita della campagna stessa. Non bisogna dimenticare infatti, che gli obiettivi di una azienda non sempre coincidono con quelli di una campagna di advertising. L’obiettivo principale di una cantina, è identico a quello di una qualunque altra azienda, aumentare il fatturato, e a parità di fatturato massimizzare i profitti. Ora qualche produttore di vino potrebbe anche obiettare a riguardo, ma vi assicuro che avrebbe solo torto.

Per non rimanere delusi dai risultati di una campagna di advertising online bisogna sempre fissare gli obiettivi. Con l’advertising online l’unico obiettivo non può essere soltanto l’aumento del fatturato. Aspettarsi soltanto un aumento di fatturato da una campagna di advertising online è riduttivo, e troppo semplicistico. Nell’ advertising online gli obiettivi da tenere in considerazione sono di ben tre categorie, la visibilità della marca (Brand visibility o brand exposure), l’incremento del fatturato (Increased Sales), ed infine l’acquisizione di nuovi clienti (Lead Generation). Inoltre, qualunque sia l’obiettivo fissato, non bisognerebbe mai dimenticare che oltre ad essere specifico, deve essere anche misurabile ma soprattutto realistico.

Ecco qui una serie di possibili obiettivi specifici e misurabili:

– “Vogliamo acquisire 10 nuovi client al mese”
– “Vogliamo che il costo per cliente acquisito (Cost Per Lead) non sia superiore ai 20 euro”
– “Vogliamo che le schede in formato pdf dei vini siano scaricate almeno 1000 volte al mese”
– “Vogliamo realizzare un fatturato mensile di 5.000 euro con l’e-commerce″
– “Vogliamo almeno 20 nuovi iscritti al mese per la nostra newsletter aziendale ”
– “Vogliamo minimo 50 telefonate qualificate di potenziali clienti”
– “Vogliamo almeno 200 nuovi commenti al mese nel nostro blog aziendale”
– “Vogliamo 1000 nuovi visitatori al mese sul nostro sito web”

Come è facile intuire quindi gli obiettivi possono essere i più vari e disparati, e variano da azienda a azienda, ma comunque tutti riconducibili ai tre gruppi sopracitati. Fissando come obiettivo unicamente l’aumento del fatturato, si rischia di rimanere delusi. Per esempio, se la cantina X decide di investire 5.000 euro in diverse campagne pubblicitarie, e fissa come unico obiettivo un incremento del fatturato del 15% nello stesso periodo, e si accorge a campagna scaduta che l’incremento è stato di soli due punti percentuali, allora si potrebbe arrivare a pensare che la strategia di marketing adottata non ha avuto successo.

Ovviamente così facendo si rischia di considerare ogni campagna di advertising fallimentare. Comunque è del tutto inutile fissare un obiettivo di fatturato per l’e-commerce se il vostro negozio online lascia a desiderare per diversi motivi. E’ inutile fissare un obiettivo per i commenti sul blog se il vostro blog sembra abbandonato, e trascurato come il vostro sito web. E’ inutile fissare un obiettivo per il numero di nuovi clienti acquisiti per email se poi controllate la vostra posta elettronica una volta ogni due settimane. Ecco in questi casi lo scarso risultato raggiunto non è direttamente imputabile alla campagna pubblicitaria. Quindi in definitiva fissate i vostri obiettivi prima di attivare una qualsiasi campagna pubblicitaria, e assicuratevi soprattutto che quegli obiettivi siano realistici.

Leave a comment