Cantine e siti web, il punto della situazione

In questi primi mesi dell’anno ho avuto parecchio da fare con il lavoro, quindi poco tempo per scrivere qualche bell’articolo qui sul blog. Da un paio di settimane inoltre comincio a manifestare i primi segni di stanchezza. In questi casi comincio a disinteressarmi di tutto, anche delle cose importanti, e mi prende una apatia da fare impressione. Spesso non mi va di fare nulla, solitamente invece finisco per fare cose che quasi sempre rinvio, tipo piccole riparazioni casalinghe, e lavoretti vari. Nonostante ciò non riesco a rimanere lontano dal computer per molto tempo, pensate che la mia media giornaliera si aggira intorno alle 13 ore, incluso i sabato, le domeniche, e le feste. Insomma sono sempre o quasi al computer. Oggi non mi andava di lavorare, ma mi son seduto comunque davanti al mio computer, e mi son messo a guardare un po’ di siti web di cantine italiane, e fare il punto della situazione. Il Vinitaly è finito da poco, mi son detto, e sicuramente tante cantine italiane avranno messo online i loro nuovissimi siti web per l’occasione. Perché non approfittarne per vedere le ultime novità? Detto, fatto!

Attenzione però l’ho fatto in maniera particolare. Ho fissato un tempo massimo per visitare il maggior numero di siti web possibile, 6 ore in tutto, e mi son comportato come farebbe un qualsiasi visitatore che visita un sito web arrivando dai motori di ricerca dopo aver digitato una parola chiave generica. Il comportamento di una persona nel visitare un sito web è fondamentalmente diverso se cerca una parola chiave generica o una parola chiave specifica. Per esempio una persona si comporta in modo diverso se cerca la parola chiave generica “brunello di montalcino” piuttosto che la parola chiave specifica “brunello di montalcino biondi santi”. Nel primo caso la persona sarà molto ma molto veloce (pochissimi secondi) nel giudicare il sito, e nello decidere se continuare o meno la lettura, cliccando magari su una seconda pagina del sito web. Nel secondo caso invece è in generale più propenso ad approfondire la visita del sito web che sta visitando perché realmente interessato, nella speranza di trovare quello che cerca, e anche in presenza di un sito web apparentemente scadente.

Sono ancora tantissime le cantine italiane che trascurano l’importanza del proprio sito web. Un sito web svolge fondamentalmente due compiti. Il primo è quello di fornire ai clienti (ma anche ai semplici curiosi o amanti del vino aziendale) tutte le informazioni che riguardano la cantina, la storia, i prodotti, le persone che vi lavorano, e molto altro ancora. Il secondo, molto ma molto più importante è quello di fare conoscere la cantina a tutti coloro che non la conoscono, ed eventualmente convincerli a compiere una azione, quale potrebbe essere quella di fare una telefonata per richiedere un listino prezzi, o quella di fare un acquisto online nell’e-shop, o quella di inscriversi alla newsletter aziendale per semplice curiosità. Insomma il sito web aziendale svolge un compito delicatissimo in questo secondo caso, in pratica in brevissimo tempo deve convincere il visitatore casuale che quella può essere una cantina interessante.

Come produttore vinicolo devi pensare al sito web come al tuo awatar sulla rete. Il sito web lavora per te in un opera di evangelizzazione continua mentre tu sei impegnato a fare altre cose, incluso dormire. Ti piacerebbe se a raccontare la tua passione, il tuo lavoro, la tua storia, i tuoi prodotti fosse qualcuno totalmente incapace di comunicare, ed in grado di dire solo quelle poche righe che stanno sul tuo depliant? Io credo sinceramente di no! Un sito web non deve essere semplicemente bello ma deve essere soprattutto ricco di contenuti, con informazioni dettagliate sulla cantina e i vini, i testi, le fotografie, i video poi devono essere di qualità perché devono colpire dritto al cuore del visitatore, e devono far scoccare la classica scintilla. Esattamente come accade in amore.

Detto questo passiamo ai risultati del mio tour de force online alla ricerca di eventuali novità e cambiamenti nel panorama vitivinicolo italiano. In 6 ore esatte ho avuto modo di visitare velocemente i siti web di 1.500 cantine italiane, nel mio database ne ho quasi 4.000. Questo vuol dire che ho destinato mediamente circa 14 secondi a sito web. Sembra pochissimo tempo, ma vi assicuro che è molto di più di quello che impiegherebbe il classico visitatore casuale per giudicare un sito web, e decidere se continuare a leggere o abbandonare immediatamente il sito web in questione. Il risultato è che mi sono annoiato a morte. Pochissime cantine hanno rinnovato il loro sito web (Allegrini, Cottanera, Monte del Fra, Berlucchi, Cantine Rallo, e pochissime altre), anzi al contrario tantissime mantengono ancora i loro vecchi e scadenti siti web.

Per la verità qualche piccola novità l’ho trovata un po’ ovunque. Sui loro vecchi e scadenti siti web cominciano a comparire come i funghi le icone e i link verso i principali social networks, Facebook e Twitter in primis. Sempre più cantine italiane infatti puntano sempre più sui social networks per la loro comunicazione online, nella speranza di avere quel po’ di visibilità online in più che il loro sito web non è stato in grado di dare in tantissimi anni. Ovviamente è una partita persa in partenza, ma questo loro non lo sanno, l’importante è esserci. In conclusione non si sono fatti dei grandi passi in avanti per quanto riguarda la qualità dei siti web, la sensazione è quella di un immobilismo generale in attesa di tempi forse migliori per investire sul web. Chiudo il mio breve articolo presentandovi alcune delle cantine che hanno saputo colpire la mia curiosità con i loro siti web: Pecchenino, Adriano, Ca’ dei Frati, Drusian, Le Macchiole, e Sturm. Attenzione però, questo non vuol dire in alcun modo che siano perfetti, ma semplicemente che sono stati in grado di farmi andare oltre la prima pagina.

Pecchenino

Pecchenino

Adriano

Adriano

Ca' dei Frati

Ca' dei Frati

Drusian

Drusian

Le Macchiole

Le Macchiole

Sturm

Sturm

Non lasciare al visitatore del tuo sito web l’opportunità di visitare il sito web del tuo concorrente. Sii subito convincente!!!

Tags: , , , , , , , , , ,

Condividi questo articolo su Twitter Condividi questo articolo su Facebook Condividi questo articolo su LinkedIn Sottoscrivi il feed rss Invia questo articolo per e-mail

Lascia un commento

Current ye@r *