Donnafugata, online il nuovo sito web

E io puntualmente, quando vedo un nuovo sito web gli faccio le pulci. Scherzo! La mia come al solito sarà un’analisi sommaria e veloce. Per la mia analisi mi baserò su quanto scritto nel comunicato stampa ufficiale della cantina stessa: Donnafugata rivoluziona la propria presenza sul web.

Inizio subito dall’ottimizzazione del sito. Loro dichiarano nel comunicato stampa di avere un sito web ottimizzato grazie alla tecnologia. Loro forse non lo sanno ma non è la tecnologia scelta a rendere un sito ottimizzato per i motori di ricerca. Altrimenti se ciò fosse vero, tutti potrebbero benissimo adottare la medesima tecnologia ed avere così tutti quanti un sito web ottimizzato per i motori di ricerca. Logico no? Purtroppo per Donnafugata l’ottimizzazione di un sito web, e quindi il suo posizionamento nelle SERP dei motori di ricerca dipende da tantissimi fattori on-page (dipendenti dal sito web), e off-page (non dipendenti dal sito web). Lasciamo stare i fattori off-page, ma quelli on-page nel sito di Donnafugata sono stati quasi interamente trascurati, e questi ultimi sono proprio quelli necessari per il buon posizionamento dell’80% circa dei siti web nella prima pagina, o al massimo nella seconda pagina delle SERP. Per esempio cercando su Google con la keyword angheli (nome di un vino di loro produzione) il primo risultato disponibile del sito di Donnafugata si trova nella quinta posizione delle SERP, ed è un documento pdf della scheda del vino, vecchia ben 5 anni. Mentre se cerco la keyfrase angheli donnafugata il primo risultato utile si trova in decima posizione, ed invece se il sito fosse veramente ottimizzato si dovrebbe trovare in prima posizione visto nella keyfrase la presenza del nome del brand Donnafugata.

Utile invece la possibilità di condividere ogni pagina sui due principali social networks del momento, Facebook e Twitter. Peccato però che sul sito non venga fatta alcuna menzione alla loro eventuale presenza sui social networks. Lo dovete scoprire da soli se vi interessa. Interessante anche il tentativo della cantina di creare una sezione aperta a tutti, “Dediche di cuore”, dove lasciare pensieri preziosi e ricordi legati ai vini di Donnafugata. Peccato che, anche i questo caso, la funzione social della sezione non riesca a sfondare il muro eretto tra la cantina e i consumatori. Gli unici pensieri preziosi e ricordi legati al vino di Donnafugata sembrano essere quelli di conoscenti e amici, e latitano quelli delle persone comuni, i più importanti. In poche parole l’immagine social della cantina è tutta da sviluppare.

Dal punto di vista grafico invece il sito è veramente equilibrato, sia nella scelta dei colori, che nella scelta dei caratteri. L’header della home page poi è veramente carino, e richiama tutte le etichette della cantina di Contessa Entellina. E anche la navigabilità del sito è ottima. Insomma un bel salto in avanti rispetto al vecchio sito web. Il vero punto di forza del sito rimangono però i contenuti, veramente tanti. Ovviamente oltre alle classiche schede dei vini e al materiale da scaricare, è possibile trovare veramente molto altro contenuto extra, come per esempio nella sezione “Vivere il vino”. Una sezione tutta da scoprire. Il mio giudizio globalmente è positivo, e merita un bel 6.

Sito web Donnafugata